MMA – “Mixed Martial Arts”

Le origini delle Arti Marziali Miste o più comunemente chiamate MMA è da ricercare moltissimi anni addietro, alle radici del combattimento e della guerra. Ma è doveroso fare un passo indietro.

grappling - mma
The Cage – Potenza Combat Event 2016

L’arte del combattimento nasce migliaia di anni addietro come condizione necessaria di sopravvivenza. Metodiche, strutture e teniche nate (in origine) per semplificare la vita dei guerrieri per consentire un apprendimento più rapido ed una maggiore capacità di “vittoria” ai fini della propria sopravvivenza.

 Negli anni il concetto di combattimento ha subito diverse “mutazioni”, diventando in tantissime, quasi la totalità delle culture anche un fenomeno di intrattenimento (come per es. ai tempi dell’antica Roma).

In altre parti del mondo ha subito altri generi di mutamenti, alcune volte conservando il carattere “ludico” e dando il via anche ai primi fenomeni sportivi (come in Grecia), e altre volte diventando parte integrante della propria cultura, della propria vita quotidiana e della propria filosofia di vita (come in Cina). Questo ha comportato (in parte), senza rendersene conto, un appesantimento dello studio, molto spesso deviandolo dal concetto originario di sopravvivenza.

Un pancratium romano, evento rappresentato al Colosseo. Fino all’alto medioevo, a Roma e altre città erano diffuse statue che rappresentavano i grandi pancrazisti antichi. Fonte: Wikipedia

E così sono nate moltissime arti, discipline e stili di combattimento in ogni parte del mondo, mantenendo in ognuno la propria identità.

 Avvicinandosi sempre più ai giorni nostri, l’era della globalizzazione e soprattutto con l’arrivo delle armi, il concetto di guerra e di combattimento è cambiato tanto da trasformare le “arti” e le discipline che lo componenvano, in qualcosa di “snaturato” in un certo senso e di “meno pericoloso”.

Bruce Lee – il primo ad utilizzare i guantini nei propri allenamenti

Un significativo punto di svolta è stato segnato da Bruce Lee, il quale ha sicuramente il merito di aver portato le arti marziali in ogni angolo del mondo (motivo per cui fu anche duramente criticato), e di aver gettato le basi per un vero e proprio percorso di miscelazione insieme a tutte le altre discipline che prevedevano il combattimento. E’ quindi corretto poter definire Bruce Lee il padre e il primo ideatore delle MMA, seguito da Helio Gracie e da tutta la sua enorme famiglia, che con il loro brazilian jiu jitsu han sfidato e battuto tutte le arti marziali.

La particolarità di questo sport da combattimento (inizialmente privo di regole) è proprio quella di “testare” e confrontare l’efficacia di alcune arti a discapito di altre e di mettere alla prova le capacità di adattamento dell’atleta.

Il risultato è uno scenario molto più ampio del normale, poichè è necessario affrontare il combattimento in tutte le sue distanze: di striking (in genere basato sulla kick-boxing), trapping (combattimento ravvicinato), lotta (proiezioni al suolo, leve articolari, strangolamenti) e il ground & pound (colpi durante la lotta).

Le Distanze

La complessità risiede nel sapersi muovere in tutte distanze e nel saper miscelare i propri saperi anche in base alle capacità dell’avversario. Inoltre la curva di apprendimento necessaria per diventare un buon atleta di MMA si dilunga maggiormente nel tempo, dando i suoi frutti dopo un periodo maggiore rispetto ad altre discipline, essendo necessarie imparare nello specifico molte di esse.

Ground and Pound

Il programma seguito dall’Accademia delle Arti Marziali e Sport da Combattimento è un mix di diverse discipline, in cui sono state coltivate competenze specifiche ed investiti diversi anni di studio e sperimentazione:

La kick-boxing, il sanda e la muay thai sicuramente rappresentano buona parte del programma dello striking e di trapping che diffondiamo, insieme al taekwondo per padroneggiare i calci e parte dell’arte del guntig (la distruzione dell’attacco) presa dal Jeet Kune Do.

A questo si aggiunge lo studio del grappling e più nello specifico della lotta a terra attraverso il Brazilian Jiu Jitsu (o BJJ) nell’utilizzo di proiezioni, leve articolari e strangolamenti.

E non solo: parte fondamentale delle MMA è proprio il ground & pound, che rappresenta l’incontro tra i colpi e la lotta

ma che si sviluppa separatamente da essi e perdendo tutte le strutture della pugilistica tradizionale e rappresentando quindi un capitolo di studio dedicato.

 Una delle peculiarità di questo sport riesede anche nel luogo del combattimento, tipicamente una gabbia vera e propria in cui gli atleti possono mettere alla prova le proprie capacità, liberi di scegliere il proprio stile e di coltivare la propria peculiarità a fronte anche di intense preparazioni fisiche.

Per maggiori informazioni:

MMA – Mixed Martial Arts – Wikipedia

Sei curioso? Sei un’appassionato e vuoi prenotare una lezione di prova? Contattaci! Ed entra a far parte dell’Accademia!

Scopri tutte le nostre discipline: